mercoledì, Dicembre 1, 2021
HomeAPPHuawei pensa di tornare a utilizzare il sistema operativo Google

Huawei pensa di tornare a utilizzare il sistema operativo Google

Il gigante tecnologico cinese Huawei ha lanciato HarmonyOS questa settimana, ma pensa di tornare a Google Android.

Huawei ha dimostrato le sue ambizioni di diventare il principale produttore mondiale di smartphone questa settimana, lanciando il suo primo dispositivo con HarmonyOS, un sistema operativo sviluppato internamente.

Ma Andy Purdy, chief security officer di Huawei USA, ha affermato che la società spera ancora in un ritorno del sistema operativo Android di Google.

“Il nostro impegno è quello di tornare a Google”, ha detto Purdy a Yahoo Finance Live. “Ma stiamo raddoppiando la produttività per cercare di aumentare la nostra capacità di vivere senza i componenti americani, perché dobbiamo aspettarci che non avremo questi componenti“.

A Huawei è stato vietato l’utilizzo del sistema operativo di Google da quando il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha inserito l’azienda cinese in una black list commerciale nel 2019, impedendo alle aziende americane di venderle componenti, citando preoccupazioni per la sicurezza nazionale. L’amministrazione Trump ha raddoppiato i controlli sulle esportazioni lo scorso anno, vietando a Huawei e ai suoi fornitori di utilizzare la tecnologia e il software americani.

READ  Whatsapp: la memoria del telefono non sarà più piena! Di cosa si tratta?

Le restrizioni hanno inferto un duro colpo all’attività di Huawei rivolta ai consumatori, che faceva affidamento sul sistema operativo Android di Google per supportare i suoi dispositivi. L’azienda ha sviluppato il proprio sistema operativo in risposta, lanciando il software per la prima volta, per alimentare lo smartphone pieghevole Mate X2.

È stata una lotta molto difficile“, ha detto Purdy. “Ma stiamo adottando un approccio a lunghissimo termine e ci sta aiutando a stabilire la priorità dei prodotti più importanti e dei componenti che abbiamo“.

La pressione degli Stati Uniti ha drasticamente alterato l’impronta globale di Huawei, sia dal lato dei consumatori che nella sua attività di rete di operatori. Le spedizioni di Huawei sono diminuite del 42% negli ultimi tre mesi del 2020. Ciò relegato l’azienda più indietro rispetto a Samsung, Apple e Xiaomi.

Huawei si è mossa in modo aggressivo per aumentare la sua autosufficienza per contrastare le sanzioni statunitensi. Il suo dipartimento di progettazione di chip, HiSilicon Technologies, ha incrementato la produzione dei processori mobili Kirin di fascia alta subito dopo le restrizioni di Washington. Ma il divieto dell’uso della tecnologia americana ha limitato in modo significativo questi sforzi. Secondo quanto riferito, la società è in trattative con diversi produttori di chip cinesi per potenziali investimenti che potrebbero colmare le lacune nella sua catena di fornitura di semiconduttori.

READ  WhatsApp perde milioni di utenti dopo l'aggiornamento dei termini privacy

Colmare il vuoto software lasciato dall’assenza di Google si è dimostrato ancora più impegnativo. Sebbene i servizi di Google siano bloccati in Cina, l’utilizzo di Android ha consentito a Huawei di attirare utenti in regioni come l’Europa, prima delle sanzioni statunitensi. HarmonyOS funziona su tutti i dispositivi e presenta l’AppGallery al posto di GooglePlay. Ha più di 500 milioni di utenti attivi ma mancano nomi importanti come Facebook e WhatsApp, che non sono disponibili per il download diretto.

Prima possiamo prendere la decisione per tornare a Google, meglio è“, ha detto Purdy.

Usi Telegram?

Unisciti al nostro canale per restare sempre aggiornato

Seguici sui social!

Instagram

Twitter

linkedin

Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

articoli recenti