La politica di Instagram vieta ai ragazzi sotto i 13 anni di utilizzare la piattaforma. Il capo di Instagram Adam Mosseri ha poi confermato in un tweet che una versione della popolare app di condivisione foto è “qualcosa che stiamo esplorando”.

“Sono entusiasta di annunciare che andando avanti, abbiamo identificato il pubblico giovanile come una priorità per Instagram e lo abbiamo aggiunto alla nostra lista di priorità”, Vishal Shah, vice presidente del prodotto di Instagram, ha scritto su una bacheca di dipendenti giovedì. “Costruiremo un nuovo pilastro giovanile all’interno del Community Product Group per concentrarsi su due cose: (a) accelerare il nostro lavoro sull’integrità e la privacy per garantire l’esperienza più sicura possibile per gli adolescenti e (b) costruire una versione di Instagram che permette alle persone sotto i 13 anni di utilizzare Instagram in modo sicuro per la prima volta”.

Vishal Shah

“I bambini chiedono sempre più spesso ai loro genitori se possono unirsi alle app che li aiutano a stare al passo con i loro amici”, ha scritto Mosseri. “Una versione di Instagram dove i genitori hanno il controllo, come abbiamo fatto con Messenger Kids, è qualcosa che stiamo esplorando. Condivideremo di più lungo la strada”.

La notizia segue un post sul blog di Instagram all’inizio di questa settimana in cui la società di proprietà di Facebook ha descritto i cambiamenti in arrivo sulla piattaforma con l’obiettivo di “proteggere i giovani”.

Advertisements

Nel post, Instagram ha ammesso che alcuni giovani utenti “possono mentire sulla loro data di nascita”, quando si iscrivono alla piattaforma, e ha detto che ora chiede ad alcuni nuovi utenti una forma di verifica dell’età, ma il post non ha menzionato una piattaforma distinta e specifica per i bambini.

Advertisements
Loading...

Nel 2017, Facebook ha lanciato Messenger Kids, che si rivolge ai bambini tra i 6 e i 12 anni. Dopo il lancio, diversi sostenitori della salute dei bambini hanno chiesto al CEO di Facebook Mark Zuckerberg di interrompere il prodotto, citando la ricerca che “l’uso eccessivo dei dispositivi digitali e dei social media è dannoso per i bambini e gli adolescenti, rendendo molto probabile che questa nuova app minerà lo sviluppo sano dei bambini.”

Facebook ha detto di aver consultato più di esperti durante lo sviluppo dell’app, anche se un rapporto di Wired ha poi rivelato che la società aveva relazioni finanziarie con molte delle persone e delle organizzazioni che hanno consigliato il prodotto.

Advertisements

Nel 2019, The Verge ha segnalato un bug in Messenger Kids che ha permesso ai bambini di unirsi a gruppi con estranei. Facebook ha presto agito per risolvere il problema, sostenendo che aveva colpito solo un “piccolo numero di chat di gruppo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui