mercoledì, Luglio 28, 2021
HomeAPPClubhouse: cosa sappiamo

Clubhouse: cosa sappiamo

Come funziona Clubhouse? Per ora sappiamo che è un’app che funziona su invito ed è incentrata sull’audio

Elon Musk ha quasi mandato in tilt Clubhouse. È stata la prima apparizione del fondatore di Tesla nell’app audio solo su invito e la conversazione ha rapidamente spinto l’app al limite.

Lo stream ufficiale ha raggiunto il massimo con oltre 5.000 ascoltatori che hanno ascoltato Musk discutere meme, vaccini COVID-19 e intervistare il tanto diffamato fondatore di Robinhood sul dramma GameStop della settimana precedente. Altre migliaia di persone che non potevano entrare nello stream ufficiale, si sono unite a stanze “overflow” nell’app per ascoltarle. L’audio si è rapidamente diffuso anche su piattaforme meno esclusive come YouTube. In definitiva, non c’era nulla di particolarmente rivelatore nella conversazione, ma è stato un momento importante per Clubhouse, l’app che è diventata nota come un ritrovo virtuale per le celebrità e l’élite della Silicon Valley.

Ma sebbene l’app sia diventata l’ultimo tesoro della Silicon Valley (la startup di un anno è stata recentemente valutata 1 miliardo di dollari!), è molto più di celebrità che parlano tra loro.

Come funziona?

L’app si definisce “chat audio drop-in“. L’idea è simile alle chat room del primo Internet. Ma invece della messaggistica istantanea, è audio in tempo reale. Qualsiasi utente può avviare una “stanza virtuale” a cui altri possono partecipare. Ogni sala dispone di moderatori, relatori e ascoltatori. I moderatori controllano chi ottiene i privilegi di parola, sebbene gli ascoltatori possano “alzare la mano” per chiedere di parlare.

Il concetto è abbastanza semplice, ma le dinamiche di ogni stanza variano enormemente a seconda di chi ha il controllo e quante persone stanno ascoltando. Le stanze possono avere da un paio di persone a qualche migliaio e possono durare pochi minuti o diverse ore. Si svolge tutto in diretta, le conversazioni non vengono salvate o essere visualizzate dopo l’evento live, e le persone sono libere di saltare da una stanza all’altra.

Ma è davvero così esclusiva?

Quando Clubhouse è stato lanciato lo scorso anno, era conosciuto principalmente come luogo di incontro per i “ricconi” della Silicon Valley e le élite dell’industria tecnologica. Ma l’app è cresciuta notevolmente nell’ultimo anno. Sebbene sia ancora in versione beta e richieda un invito per partecipare, è diventato un po ‘meno esclusivo. Attualmente conta 2 milioni di utenti, secondo una recente dichiarazione dell’azienda, che prevede di aprire l’app a chiunque voglia entrare “presto”. (Stanno anche lavorando a una versione Android dell’app.)

Leggi anche >>>  Sicurezza Whatsapp: come proteggere il tuo account
Advertisements
Loading...

Man mano che l’app è cresciuta, è cresciuta anche la creatività dei suoi utenti. Oltre alle solite domande e risposte, interviste e altre sale in stile “talk show”, Clubhouse ha ospitato club del libro ed eventi di networking professionale. Ci sono stanze dedicate agli appuntamenti, alla commedia e alla musica.

Leggi anche >>>  Bye Bye Shazam!

È un “posto” sicuro?

Allo stesso tempo, l’app non è priva di controversie. Le conversazioni in tempo reale non sono facili da sorvegliare e Clubhouse ha affrontato bullismo, molestie e antisemitismo sulla sua piattaforma. L’azienda ha subito critiche iniziali per non avere essenzialmente politiche di moderazione dei contenuti o anche funzioni di sicurezza di base, come il blocco o la capacità di segnalare molestie.

Ci sono anche domande sulla longevità dell’app. L’hype, alla fine, si smorzerà e quando la maggior parte dei suoi utenti non è più costretta a casa e le restrizioni alle distanze sociali saranno state rimosse, non è chiaro se l’app avrà lo stesso fascino. Inoltre, non è del tutto ovvio come una piattaforma incentrata esclusivamente sull’audio dal vivo faccia soldi. I suoi fondatori hanno affermato di voler sperimentare funzionalità come mance e biglietti “per consentire ai creatori di essere pagati direttamente”, ma queste funzionalità si baseranno su un pubblico costante disposto a pagare.

Twitter lancia la sfida con Spaces

La startup sta anche affrontando la concorrenza diretta di Twitter, che sta lavorando a un prodotto simile con una nuova funzionalità chiamata Spaces. La funzione è attualmente disponibile solo per un piccolo gruppo di utenti beta ma alla fine Twitter potrebbe avere il sopravvento, soprattutto se persone come Musk, che ha più di 45 milioni di follower su Twitter (rispetto a poco più di 200.000 su Clubhouse), finiscono per utilizzare la funzione.

Per ora, però, Clubhouse non ha alcuna vera concorrenza diretta e il suo successo nel corteggiare celebrità e influencer sui social media continuerà probabilmente a garantire che l’app abbia molti più momenti virali (anche se Musk deve ancora fare un’altra apparizione sull’app). Il vero test sarà se riuscirà a mantenere lo slancio una volta che avrà perso il fascino dell’esclusività.

Seguici sui social!

Instagram

Twitter

linkedin

Facebook

Usi Telegram?

Unisciti al nostro canale per restare sempre aggiornato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

articoli recenti