lunedì, Ottobre 3, 2022
HomeVideogameThe Matrix Awakens: il futuro della narrazione next-gen

The Matrix Awakens: il futuro della narrazione next-gen [video]

I veterani della saga di Matrix aiutano a portare Neo nella vita virtuale per Epic Games

Una nuova esperienza interattiva ambientata nel mondo di Matrix è appena andata in onda, offrendo ai giocatori un’esperienza immersiva e in tempo reale grazie all’Unreal Engine 5 di Epic Games su PlayStation 5 e Xbox Series X.

Mentre la demo giocabile, The Matrix Awakens, non ha collegamenti espliciti con The Matrix Resurrections, il quarto film del franchise, Epic presenta l’esperienza come “il futuro della narrazione“.

Come nasce il progetto

- Advertisement -

Polygon ha avuto l’opportunità di parlare con il direttore tecnico Jeff Farris e il direttore artistico Jerome Platteaux su come è nata la collaborazione di Epic con la regista di The Matrix Resurrections Lana Wachowski.

Secondo Platteaux, The Matrix Awakens è nato dal team Special Projects di Epic, un gruppo di sviluppatori e artisti tecnici all’interno dello studio dedicato alla produzione di una tech demo annuale progettata per mostrare le ultime innovazioni nella tecnologia Unreal Engine. “L’anno scorso abbiamo fatto la demo PS5 con [“Lumen in the Land of Nanite”], e un paio di anni prima abbiamo fatto la demo del ray tracing con lo stormtrooper nell’ascensore“, ha detto Platteaux.

Per la demo del 2021 per l’Unreal Engine 5, il team ha voluto andare ancora oltre, creando non solo una vetrina delle capacità del motore di rendere dinamici ambienti open-world, ma qualcosa che potessero effettivamente far sperimentare ai giocatori stessi.

Abbiamo pensato che ‘Lumen in the Land of Nanite’ fosse una demo incredibile, ma abbiamo perso l’opportunità di permettere alle persone di metterci le mani sopra”, ha detto Farris a Polygon. “Penso che molte persone abbiano creduto che fosse reale, ma ovviamente c’erano ancora domande. Quindi, con questa demo, abbiamo voluto prendere tutti questi nuovi sistemi e spingerli fuori nel mondo. Facciamo un ulteriore passo avanti, alziamo la posta in gioco e mettiamolo effettivamente nelle mani dei consumatori“.

- Advertisement -

Da lì, la questione che il team doveva affrontare era se la demo sarebbe stata completamente originale o basata su una proprietà intellettuale esistente. È stato attraverso Kim Libreri, chief technology officer di Epic Games, che in precedenza ha lavorato come supervisore VFX sulla trilogia di Matrix, e lo stesso Platteaux, che ha lavorato su Matrix Reloaded e Matrix Revolutions, che il team si è collegato con Lana Wachowski (biografia), che all’epoca era nel bel mezzo delle riprese di The Matrix Resurrections. Con il permesso della Wachowski, il team si mise a creare una vetrina interattiva indipendente delle capacità dell’Unreal Engine 5 ambientata nell’universo di Matrix.

Il contenuto della Demo

La demo si apre con una scena di Matrix con Thomas Anderson, interpretato da Keanu Reeves, addormentato alla scrivania del suo computer. La sequenza è ricreata in tempo reale con l’Unreal Engine 5. Il modello del giovane Reeves è basato sul modello originale in computer grafica dell’attore utilizzato durante la realizzazione di The Matrix Reloaded, ora renderizzato in Unreal 5 con maggiore dettaglio visivo e fedeltà. Da lì, la demo passa a una scena live-action di Reeves scritta e diretta dagli stessi Wachowski.

“Ci siamo chiesti: ‘Possiamo provare a immaginare quale può essere il futuro della narrazione?'” ha detto Platteaux. La demo stessa è un tentativo di rispondere a questa domanda con l’esempio, utilizzando una miscela di filmati live-action e immagini in tempo reale generate dal computer, realizzate attraverso un’azione interattiva e un ambiente open-world esplorabile. The Matrix Awakens si sente come una naturale continuazione delle radici del franchise nella narrazione transmediale, anche se compressa nello spazio di una demo di 10 minuti.

L’introduzione della demo, che include filmati di Reeves e Carrie-Anne Moss che riprendono i loro ruoli di Neo e Trinity, rispettivamente, è stata girata a Berlino, dove The Matrix Resurrections era in produzione all’epoca. Il personaggio di IO, il combattente della resistenza umana che il giocatore assume il controllo a metà della demo, è basato su un personaggio originariamente introdotto nel trailer di MetaHuman Creator di Epic, pubblicato all’inizio di quest’anno.

È un buon modo per mostrare che questi personaggi possono essere davvero belli, perché devono essere proprio accanto a una persona reale come Keanu e Carrie-Anne“, ha detto Platteaux. The Matrix Awakens tende una linea sottile tra le inebrianti riflessioni filosofiche e la gratificazione della serie stessa, dando al giocatore la possibilità di impegnarsi in uno scontro a fuoco ad alta velocità attraverso una rete autostradale tentacolare prima di permettergli di vagare liberamente attraverso una città open-world. Tutto sommato, un team di oltre 20 dipendenti ha impiegato più di un anno per completare la produzione della demo.

Alla domanda se The Matrix Awakens abbia qualche collegamento esplicito con The Matrix Resurrections, Farris e Platteaux hanno sottolineato che la demo era un’esperienza completamente indipendente, non un gioco completo. L’Unreal Engine 5 uscirà nella primavera del 2022 e includerà l’accesso alle risorse utilizzate per creare The Matrix Awakens, un punto che Platteaux ha sottolineato con visibile eccitazione.

- Advertisement -

In qualche modo, da qualche parte, vedremo un piccolo team in grado di creare ambienti su larga scala con questi strumenti“, ha detto Platteaux. “L’Unreal Engine 5 è indispensabile per dare potere a queste persone“.

- Advertisement -

Usi Telegram?

Unisciti al nostro canale per restare sempre aggiornato

[quads id=3]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Jooble Partnersspot_img
- Advertisment -

articoli recenti