domenica, Luglio 3, 2022
HomeNewsDa oggi il cambio di residenza online, ecco come fare

Da oggi il cambio di residenza online, ecco come fare

Tempo di lettura: 2 minuti

Da oggi è attivo il servizio di cambio di residenza online con un click, direttamente dal portale dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente (Anpr). Il servizio è attivo in tutta Italia, ecco come fare.

In tutta Italia è ora possibile registrare digitalmente le richieste di cambio di residenza direttamente dal portale dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente (Anpr).

Richieste di trasferimento della residenza da un Comune a un altro, di rimpatrio dall’estero per i cittadini italiani iscritti all’AIRE (l’Anagrafe Italiani residenti all’estero) e di cambio di abitazione nello stesso Comune da mercoledì 27 aprile sono a portata di clic.

- Advertisement -

Una rivoluzione digitale che, assicura il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, è solo all’inizio.

Come fare il cambio residenza online

Il servizio, raggiungibile da anagrafenazionale.interno.it, è infatti un insieme di semplici e chiari moduli web, in parte da compilare in modo semplice e in parte pre-compilati con le informazioni che già si sanno di noi.

Per prima cosa bisogna fare l’accesso certificato, via Spid, Cie o Cns. Dopo si clicca su Cambio residenza. Bisogna poi dire se si fa un cambio verso una nuova residenza o verso una famiglia esistente.

cambio di residenza online

 La piattaforma ha diversi menu sulla sinistra: generalità, stato civile, cittadinanza, famiglia, residenza, immobile, allegati, riepilogo.Le generalità, lo stato, la cittadinanza, i componenti della famiglia e l’attuale residenza li conosce già. I dati sono già precompilati. Bisogna indicare per quali componenti è chiesto il cambio residenza. Per la nuova residenza bisogna indicare i dati, ossia l’indirizzo e anche il titolo posseduto che dà diritto al cambio: casa di proprietà, affitto, comodato d’uso gratuito o altro titolo che l’utente può specificare

Fondamentale anche indicare le fasce orarie di reperibilità per il controllo dei vigili, previsto dalla legge.In riepilogo vediamo se manca qualche dato necessario; la piattaforma ci avvisa e ci dice cosa bisogna aggiungere.

- Advertisement -

Dal ministero all’innovazione (MITD) fanno sapere che i tempi per il cambio non sono indicati perché l’esito della richiesta non è automatico; dipende dalla correttezza delle informazioni e dal controllo dei vigili, con tempi dipendenti da singolo Comune.

- Advertisement -

Usi Telegram?

Unisciti al nostro canale per restare sempre aggiornato

Seguici sui social!

Instagram

Twitter

linkedin

Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Jooble Partnersspot_img
- Advertisment -

articoli recenti