mercoledì, Dicembre 1, 2021
HomeNewsCybersecurityCyberpunk 2077 e the Witcher 3 Hackerati.

Cyberpunk 2077 e the Witcher 3 Hackerati.

Una richiesta di riscatto a CD Projekt Red per il codice sorgente di Cyberpunk 2077 e The Witcher 3

CD Projekt Red ha rivelato di essere stata vittima di un attacco informatico. Hanno scoperto che un hacker aveva ottenuto “un accesso non autorizzato alla loro rete interna“, lasciando una richiesta di riscatto e affermando di aver trasferito copie complete dei codici sorgente di Cyberpunk 2077, The Witcher 3 e Gwent, oltre a documenti legali interni. Al momento, CD Projekt Red non crede che siano stati presi dati personali dei giocatori ma stanno ancora indagando sull’incidente.

La dichiarazione ufficiale

CD Projekt Red comunica: “Un utente non identificato ha ottenuto l’accesso non autorizzato alla nostra rete interna, ha raccolto alcuni dati appartenenti al gruppo CD Projekt e ha lasciato una richiesta di riscatto il cui contenuto viene reso pubblico” (…) “Sebbene alcuni dispositivi nella nostra rete siano stati crittografati, i nostri backup sono intatti. Abbiamo già protetto la nostra infrastruttura IT e iniziato a ripristinare i dati“.

La richiesta di riscatto afferma che gli hacker hanno “scaricato copie complete dei codici sorgente dal server Perforce per Cyberpunk 2077, Witcher 3, Gwent e la versione inedita di Witcher 3“. Aggiungono di aver “scaricato tutti i documenti relativi a contabilità, aspetti legali, risorse umane, relazioni con gli investitori e altro” e minacciano di vendere o divulgare tutto questo online.

READ  Final Fantasy 8 Remastered: disponibile per iOS e Android

Non cederemo alle richieste né negozieremo con l’attore, consapevoli che questo potrebbe portare alla pubblicazione di dati compromessi“, continua la dichiarazione di CD Projekt Red. “Stiamo ancora indagando sull’incidente, tuttavia in questo momento possiamo confermare che – per quanto ne sappiamo – i sistemi compromessi non contengono dati personali dei nostri giocatori o utenti dei nostri servizi“.

La società aggiunge di essere già stata in contatto con le forze dell’ordine, l’Ufficio per la protezione dei dati personali e gli specialisti forensi IT e le indagini sull’hack sono in corso.

READ  Gootloader: gli hacker utilizzano Google per distribuire malware

Diversi sviluppatori di giochi sono stati colpiti da attacchi informatici simili alla fine dell’anno scorso. A novembre, gli hacker avrebbero fatto trapelare il codice sorgente di Watch Dogs: Legion. Più tardi nello stesso mese, i dettagli su Resident Evil Village sono trapelati online, a seguito di un attacco ransomware a Capcom.

Usi Telegram?

Unisciti al nostro canale per restare sempre aggiornato

Seguici sui social!

Instagram

Twitter

linkedin

Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

articoli recenti