venerdì, Giugno 18, 2021
HomeNewsViaggiare nel tempo? Con Google ora si può

Viaggiare nel tempo? Con Google ora si può

La mappa open-source mostra i cambiamenti che avvengono nel tempo ai paesaggi urbani.

Nei 20 anni in cui aveva vissuto a New York, Raimondas Kiveris aveva visto la città cambiare immensamente. “Era un posto completamente diverso, una città diversa“, afferma Kiveris, ingegnere informatico presso Google Research. Questo lo portò a chiedersi come fosse il suo quartiere anche prima di allora, prima di viverci, prima ancora di nascere. “Non esiste un modo semplice per trovare queste informazioni in modo organizzato“, afferma. “Quindi stavo iniziando a pensare, possiamo in qualche modo realizzare questo tipo di viaggio virtuale nel tempo?

Tre anni dopo, il suo tentativo di viaggiare nel tempo sta prendendo forma come una mappa open-source in grado di mostrare, sia in una visuale in volo che in una visuale pedonale, i cambiamenti che avvengono alle strade cittadine nel tempo. Con un cursore per controllare l’anno, la mappa mostra una rappresentazione storicamente accurata dello sviluppo in quasi tutte le città degli Stati Uniti risalenti al 1800. Modelli 3D di edifici generati automaticamente emergono dal paesaggio mentre il cursore si sposta in avanti nel tempo. Può anche mostrare una stima approssimativa di come sarebbe stata una città dal punto di vista del pedone, come un Google Street View ma a bassa risoluzione.

font: Google

Intelligenza artificiale per tornare indietro nel tempo.

La mappa, chiamata ““, è un progetto che Kiveris ha condotto attraverso la sua ricerca sull’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico presso Google. Sebbene sia ancora in una forma molto precoce, la mappa è abbastanza funzionale da offrire un assaggio di ciò che una persona avrebbe visto passeggiando per le strade cittadine decenni fa.
La mappa è stata creata utilizzando mappe storiche di assicurazione contro gli incendi, una ricca fonte di informazioni edilizie che include informazioni precise su età, dimensioni, altezze, forme del tetto e persino materiali. La mappa crea modelli 3D semplificati di questi edifici e il dispositivo di scorrimento temporale consente all’utente di vedere, ad esempio, il Dupont Circle di Washington, quasi privo di edifici negli anni ’70 dell’Ottocento e quasi completamente sviluppato negli anni ’20.

Vecchie foto possono aiutare il progetto

Kiveris vuole che la mappa faccia di più che modellare edifici nel tempo. Lui e il suo team lo hanno creato come progetto open source in modo che persone come bibliotecari e appassionati di mappe possano contribuire con le proprie fonti storiche per aggiungere dettagli. Può persino integrare fotografie di edifici, utilizzando l’apprendimento profondo (deep learning) per analizzare le immagini e aumentare i modelli 3D a blocchi con dettagli architettonici.

Leggi anche >>>  Google sta testando sui suoi utenti una nuova tecnologia di annunci. Ecco cosa sappiamo.

Se abbiamo foto di un edificio che mostrano la facciata in alcuni dettagli, possiamo fare molto di più“, dice. “Possiamo essenzialmente fare un’analisi semantica di quella facciata e capire che quest’area qui è una finestra, quest’area è un cornicione, questa una scala, questa è una porta.

Leggi anche >>>  Spotify down: Adesso tutto "UP"

Questo livello di dettaglio è già stato visualizzato in alcune parti di Manhattan, come il quartiere di Chelsea, dove si può entrare nella modalità 3D pedonale della mappa e vedere le strade fiancheggiate da portici e scalinate.

Advertisements
Loading...

Alla fine, con un numero sufficiente di dati visivi forniti, Kiveris afferma che la mappa sarà in grado di creare rappresentazioni realistiche di interi quartieri che potrebbero essere abbastanza buone da essere utilizzate come ambientazione per videogiochi o persino film. “Se non è possibile oggi, sarà possibile tra cinque anni“, dice.

Quel livello di dettaglio richiederà molte più informazioni, da un pool più ampio di contributori. “Quello che pensiamo di poter davvero ottenere una buona copertura è, ad esempio, andare dai tuoi genitori o dai nonni e scavare nelle scatole da scarpe e trovare foto“, dice. Con buone fotografie, date e informazioni sui luoghi noti, il modello può creare versioni 3D di edifici in pochi giorni.

Raimondas spera che la mappa sarà in grado di modellare ancora più dettagli, come gli interni degli spazi. “Cosa c’era all’interno dell’edificio negli anni ’20? Che aspetto aveva la cucina negli anni ’40?“, dice. “Diventa un compendio della vita quotidiana e mondana.

Kiveris dice che può anche essere un modo per aiutare a creare un archivio di quartieri nel tempo, anche quei luoghi che potrebbero non sembrare rilevanti tanto da essere preservati. ” “Non è un edificio storico” si sente dire. “Forse solo un paio di persone al mondo se ne preoccupano…” Ma è proprio questo il punto!”, dice. “I punti di riferimento sono curati e conservati abbastanza bene, ma il resto del mondo sta per scomparire“.

Seguici sui social!

Instagram

Twitter

linkedin

Facebook

Usi Telegram?

Unisciti al nostro canale per restare sempre aggiornato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

articoli recenti