mercoledì, Dicembre 1, 2021
HomeRubricheMastico MusicaOur Favourite Shop, la politica secondo Weller

Our Favourite Shop, la politica secondo Weller

Alla scoperta del “negozio preferito” del duo inglese più raffinato di tutti i tempi

Alla scoperta del “negozio preferito” del duo inglese più raffinato di tutti i tempi

Correva l’anno 1985.
Our Favourite Shop“, il secondo album degli Style Council, è forse uno dei dischi pop più apertamente politici mai pubblicati.
Con il Thatcherismo al suo apice, Paul Weller si era ritrovato nuovamente ad essere “portavoce di una generazione”, riversando disprezzo sull’ideologia del potere.
Pubblicato nel giugno 1985, rimane un documento unico di un decennio politico turbolento.


Erano ormai passati due anni e mezzo dalla nuova formazione a cui Paul diede vita dopo aver sciolto coraggiosamente i Jam al culmine dei loro fasti commerciali.
Reclutando il suo amico Mick Talbot, che condivideva la sua passione per il jazz, il soul e il cinema francese degli anni ’60, si imbarcò in una nuova avventura musicale, in cui entrambi gli uomini si ridisegnarono realizzando le loro fantasie da principianti assoluti.  


Dopo la serietà del punk, Weller si stava concedendo un po ‘di divertimento.
Dopo il loro primo album “Café Bleu”, come altri musicisti schierati a sinistra, Paul prese una posizione pubblica contro le azioni del governo Thatcher.  
Tornati in carica per un secondo mandato nel 1983, i conservatori si erano lanciati in una crociata per indebolire il potere dei sindacati, distruggendo sistematicamente la base manifatturiera britannica e le sue industrie tradizionali della marina: carbone, ferro, acciaio.  

READ  Buon compleanno Pino Daniele


Quando la disoccupazione aumentò e la legislazione per indebolire i diritti dei lavoratori entrò in vigore, il paese entrò nella sua peggiore recessione dalla Grande Depressione degli anni 1930. 
Lo sciopero dei minatori del 1984 divenne il simbolo della lotta  tra lavoratori e i capi/datori di lavoro.


Our Favourite Shop si incastra perfettamente in questo scenario.
Molto più vivace rispetto al primo lavoro, questo “Negozio preferito” si apre con “Homebreakers“, raccontava la storia di una famiglia distrutta dalla necessità per il capofamiglia di lasciare la casa in cerca di lavoro.
Sono cinque minuti di pura brillantezza, caratterizzati da un’anima definita nel suono generale, sostenuta da entrambe le sezioni di fiati e Mick Talbot all’organo Hammond che forniscono un ottimo accompagnamento alla voce.Il suo stato d’animo desolato è stato ripreso nei testi – anche se non nella melodia sbarazzina – di “All Gone Away“, un attacco al monetarismo e alle politiche della Thatcher.


L’ottimista “Come To Milton Keynes “ e `la chiamata alle armi socialista pan-globale di ” Internacionalist ” sono tra i brani migliori del disco secondo la fanbase.
L’elegante “Luck” e “With Everything To Lose“, i cui testi, scritti da Steve White, riguardavano i programmi del governo, a cui i giovani disoccupati venivano costretti.
Nella versione statunitense, l’album prese il nome di Internationalists con un diverso ordine per la trackilst e il successo commerciale di “Shout to the Top” nella sua versione US Mix al posto della canzone “Our Favourite Shop”.
Insomma un Paul Weller politico, che non la manda a dire.

READ  Ghost in the Machine: i Police, “reconfigured”


Peccato che gli Style Council si sciolsero dopo solo quattro anni, lasciando spazio ad una ragguardevole carriera da solista del leader.
Se sei alla ricerca di un fast-paced funk e di uno slowed-down soul, la raffinatezza di Our Favourite Shop è quello che fa per te.
Un duro attacco alla società da parte di una delle voci più iconiche del “decennio di plastica”, e non solo… 

Our Favourite Shop
Shout to the Top
Homebreakers

Usi Telegram?

Unisciti al nostro canale per restare sempre aggiornato

Seguici sui social!

Instagram

Twitter

linkedin

Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

articoli recenti