sabato, Agosto 6, 2022
HomeNewsCybersecurityOggi è il World Backup Day: mettiamo al sicuro i nostri dati

Oggi è il World Backup Day: mettiamo al sicuro i nostri dati

Tempo di lettura: 2 minuti

il 31 marzo è la giornata mondiale del backup. Un'occasione per ricordare quanto sono diventati importanti i nostri documenti digitali

Oggi, 31 marzo è il World Backup Day. Secondo alcuni dati, sono 4 italiani su 10 a pagare per riappropriarsi dei loro dati, dopo essere stati vittima di ransomware.

Gli utenti non dovrebbero tenere il loro backup nel proprio computer. Dovrebbe invece essere conservato su un dispositivo affidabile come un hard disk esterno o, meglio ancora, su un NAS personale.

- Advertisement -

Se i file contenuti sono davvero importanti, non sarebbe una cattiva idea conservare il backup in una cassetta di sicurezza. Questo è particolarmente importante per quelli che hanno un’attività in casa. E, naturalmente, il backup dovrebbe andare su un’unità separata – come un disco rigido portatile o una chiave USB.

Non conservare mai il backup sul tuo computer.

Quanto spesso si dovrebbe fare il backup?

Dipende da quanto sono importanti i tuoi dati. Alcune organizzazioni potrebbero aver bisogno di fare un live backup. Per altri, il backup alla fine della giornata è più che sufficiente. Per l’utente medio, una volta alla settimana è il giusto compromesso, ma se si lavora da casa il backup andrebbe fatto più spesso, includendo anche la posta elettronica.

Sempre colpa degli hacker?

- Advertisement -

Purtroppo no. Basta un guasto al proprio computer, di qualsiasi natura, per scaraventarci “nel panico da perdita di dati“. I nostri dispositivi, per quanto affidabili e ben tenuti, sono macchine soggette all’usura, agli sbalzi di corrente e soprattutto ai danni accidentali.

Non sono solo gli utenti singoli a subire i danni della perdita di dati, basta ricordare l’incendio del 10 Marzo dell’enorme datacenter della Ovh a Strasburgo, in seguito al quale sono andati “down” centinaia di siti.

Fortunatamente è stato messo in atto il “Disaster Recovery Plan”, come ha dichiarato il fondatore Octave Klaba. Ma se si dovesse rompere il nostro PC, saremmo in grado di recuperare ogni singolo file?

La parola d’ordine di oggi è, quindi: backup, backup, backup!

- Advertisement -

Usi Telegram?

Unisciti al nostro canale per restare sempre aggiornato

Seguici sui social!

Instagram

Twitter

linkedin

Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Jooble Partnersspot_img
- Advertisment -

articoli recenti