mercoledì, Luglio 28, 2021
HomeGuarda che ti passaThe Serpent - Recensione

The Serpent – Recensione

The Serpent è una miniserie disponibile su Netflix, prodotta da Mammoth Screen (parte di ITV Studios). E’ una coproduzione di BBC One e Netflix.

La sceneggiatura è di Richard Warlow e Toby Finlay, la regia di Tom Shankland e Hans Herbots, la produzione di Stephen Smallwood, mentre la produzione esecutiva è affidata a Richard Warlow, Tom Shankland, Preethi Mavahalli e Damien Timmer per Mammoth Screen.

The Serpent è stata girata in Thailandia e nel Regno Unito

Ispirata a eventi reali, The Serpent, narra la storia del truffatore seriale Charles Sobhraj (il candidato ai Golden Globe Tahar Rahim) e degli straordinari tentativi di assicurarlo alla giustizia.

The Serpent Recensione

The Serpent trama:

Fingendosi un commerciante di pietre preziose, Charles Sobhraj viaggia insieme alla fidanzata Marie-Andrée Leclerc (Jenna Coleman) attraverso Thailandia, Nepal e India tra il 1975 e il 1976, commettendo una serie di crimini lungo “l’Hippie trail” in Asia.

I due diventano gli indiziati principali di una catena di omicidi di giovani turisti occidentali.

Dopo essere rimasto inaspettatamente coinvolto in questa intricata rete di crimini, il giovane diplomatico presso l’ambasciata olandese a Bangkok Herman Knippenberg (Billy Howle) mette in moto una straordinaria serie di eventi.

Leggi anche >>>  Scandal - Recensione
Advertisements
Loading...

Con l’aiuto della moglie Angela (Ellie Bamber), della polizia di tutto il mondo e di testimoni della crudele manipolazione di Sobhraj, trasforma quest’ultimo nell’uomo più ricercato dall’Interpol, con mandati di cattura in diversi continenti.

Il cast della miniserie The Serpent in otto parti include Tahar Rahim nel ruolo di Charles Sobhraj, Jenna Coleman nel ruolo di Marie-Andrée Leclerc, Billy Howle nel ruolo di Herman Knippenberg, Ellie Bamber nel ruolo di Angela Knippenberg, Amesh Edireweera nel ruolo di Ajay Chowdhury e Tim McInnerny nel ruolo di Paul Siemons.

Leggi anche >>>  Dietro i suoi occhi - Recensione

The Serpent è un viaggio nel male insospettabile, un complesso groviglio di sentimenti che si articola in diverse linee temporali, in un gioco di flashback e flashforward che movimentano la narrazione.

Per chi ama le storie di serial killer e detective e ama distendersi in atmosfere esotiche.

Dal nostro inviato in America

Seguici sui social!

Instagram

Twitter

linkedin

Facebook

Usi Telegram?

Unisciti al nostro canale per restare sempre aggiornato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

articoli recenti