venerdì, Giugno 18, 2021
HomeGuarda che ti passa1983 - Recensione

1983 – Recensione

1983 è una serie televisiva polacca di genere ucronico distribuita da Netflix.

Con la prima e unica al momento stagione(8 episodi), nel 2018 questa serie originale è prodotta in Polonia dallo sceneggiatore e produttore Joshua Long.

Come “The Man in The High Castle“, “1983” è ambientato in una storia alternativa.

Anche se il nome dello spettacolo è “1983”(con omaggio al libro 1984 di George Orwell), la serie è in realtà ambientata nel 2003 in un mondo in cui la cortina di ferro è ancora in piedi, la Germania è ancora  sotto il controllo del blocco orientale, la perestrojka non c è mai stata,  e la guerra fredda si trascina.

Il titolo si riferisce a un terribile attacco terroristico avvenuto il 12 marzo 1983, che ha sfregiato il paese e creato effetti a catena globali.

E la trama parte proprio da questi eventi, con una serie di flashback che raccontano come il Partito al comando nella decade in questione 1983-2003 abbia tentato in ogni modo di soffocare qualsiasi ribellione e atto terroristico.

1983: recensione della serie tv Netflix - Cinematographe.it

Ma non tutti i segreti rimangono nascosti, parchè la verità sugli attentati è tanto dubbia quanto sepolta.

Ad indagare su questa cospirazione ci sono 2 personaggi improbabili : l’ispettore Anatol Janów , un anziano ispettore di polizia ormai alcolizzato da quando la sua carriera ha preso una brutta piega, e Kajetan Skowron , uno studente ligio alle regole del partito e anche rappresentante di questo, i cui genitori sono morti negli attentati del 1983.

Leggi anche >>>  Oscar 2021, tutti i vincitori: a Netflix 7 statuette
Advertisements
Loading...

È chiaro sin dalle prime immagini che il tema di 1983 è quello distopico, e che gli episodi rispecchiamo la lotta tra il bene e il male.

Leggi anche >>>  Fargo - Recensione

Da un lato l’Ordine: imposto dal Partito, menzognero e poco efficace, responsabile della morte di tanti giovani aspiranti alla verità, dall’altro il dissenso dei ragazzi dell’Armata della Luce, guidata dalla giovane Ofelia.

Tutto il racconto di 1983 è focalizzato dunque sullo studente Kajetan, conteso tra le fazioni in lotta ed in secondo piano la figura del poliziotto , moderno Virgilio di dantesca memoria che dovrà aiutare il giovane e dissuaderlo dalle sue convinzioni politiche.

In conclusione lo show risulta ben fatto e scorrevole,e anche se il continuo uso di flashback può destabilizzare lo spettatore e se la narrazione non sempre risulta armonica o lineare, in generale il confezionamento è convincente.

Visti gli elementi in gioco, le sottotrame e l’aumentare dei personaggi è chiaro che ci sarà una seconda stagione e aspettiamo con ansia di vederla.


Dal nostro inviato in america

Seguici sui social!

Instagram

Twitter

linkedin

Facebook

Usi Telegram?

Unisciti al nostro canale per restare sempre aggiornato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

articoli recenti